hello world!

Sostenibilità 2024: 5 buoni propositi per un futuro più verde

Di Elena Russo
24 Gennaio 2024

L'avevamo intuito, ora ne abbiamo la conferma: il 9 gennaio il servizio europeo sul cambiamento climatico di Copernicus ha annunciato che il 2023 è stato l'anno più caldo mai registrato. Lo scorso anno infatti, quasi la metà dei giorni sono stati più caldi di oltre 1,5°C rispetto ai livelli pre-industriali.

Dalla siccità alle alluvioni, dagli incendi all'innalzamento del livello del mare, ondate di calore, inquinamento, stagioni impazzite: il riscaldamento globale sta cambiando radicalmente l'aspetto del nostro Pianeta.

La causa?

Le crescenti emissioni di gas serra nell'atmosfera dovute alle attività umane.

“Ci stiamo allontanando sempre di più dal clima che ha permesso alla civiltà umana di svilupparsi”, ha dichiarato Carlo Buontempo Direttore del Copernicus.

Risolvere la crisi climatica non è un compito che può essere lasciato ai singoli individui e nemmeno al mercato o ai governi. Per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, abbiamo bisogno che persone, organizzazioni, leader politici, nazioni intere agiscano insieme.

In quest'articolo ti illustrerò 5 buone pratiche per integrare la sostenibilità nella tua vita ed essere più consapevole delle scelte che compi ogni giorno.

Le azioni individuali per trasformare le società

Molto spesso davanti agli effetti devastanti del cambiamento climatico, siamo portati a pensare che una nostra piccola azione non cambierà nulla. E non voglio mentirti, è così. Di fronte a una crisi di questa portata non sarà la tua borraccia di alluminio, i tuoi rifiuti riciclati o un po' di energia risparmiata a contenere l'innalzamento del livello dei mari o le ondate di calore. Non basta.

Ma allora che senso ha sforzarmi?

Nonostante sia conscia che una piccola azione nel contesto di crisi in cui siamo, cambi effettivamente poco, da anni sostengo l'importanza di esse. Viviamo in società sempre più interconnesse, grazie alle nuove tecnologie il mondo non è mai stato così alla nostra portata. Siamo persone con delle famiglie, degli amici, una rete di conoscenze che tocca luoghi di lavoro e aggregazione. Molti studi hanno evidenziato che la misura in cui le persone compiono scelte sostenibili, è influenzata da come esse giudicano le scelte degli altri. Es. se in una famiglia un componente abbraccia l'alimentazione vegetale, è molto probabile che altri si avvicineranno ad essa.

Per questo motivo non dovresti sottovalutare la capacità che ha la tua azione personale di innescare trasformazioni a catena man mano più ampie, nei contesti in cui avvengono le tue scelte quotidiane.

Puoi scegliere di far del bene a te, al Pianeta e alle persone che ami partendo da una piccola azione, anche se all'apparenza insignificante.

Ma come?

1. Guarisci dal consumismo

Nel 1987 l'artista Barbara Kruger dichiarava "Compro dunque sono".

Abbiamo costruito società basate sul consumismo, compriamo di continuo cose di cui non abbiamo bisogno convinti di colmare un vuoto o raggiungere la felicità. E il valore delle cose che possediamo, indicano il nostro status sociale. Niente di più sbagliato, anche da un punto di vista ambientale.

Se vuoi guarire dal consumismo, impara a domandarti se quell'oggetto che stai per acquistare ti serve davvero e nel caso, prova a immaginare la sua vita: Com'è stato prodotto? Con quali materiali? Dove? Per quanto tempo lo userò? Fai acquisti consapevoli, che durino nel tempo e se puoi, scegli l'alternativa più sostenibile.


2. Più vegetali per tuttə

Te ne abbiamo già parlato (qui), gennaio è il mese migliore per provare ad abbracciare un'alimentazione vegetale che fa bene alla tua salute, a quella del Pianeta e agli animali. L'industria dell'allevamento animale è una delle principali fonti di emissioni di gas serra nell'atmosfera. Diminuire in modo significativo o eliminare del tutto il consumo di carne e derivati animali, significa preservare gli ecosistemi naturali, il benessere animale e la vita su questo Pianeta.

A tal proposito ti consiglio la visione della mini serie documentario di Netflix "Sei ciò che mangi: gemelli a confronto", in cui un team di medici e scienziati hanno portato avanti uno studio di 8 settimane sottoponendo dei gemelli omozigoti alla dieta onnivora e vegana, per indagare gli effetti sulla salute, il risultato è sorprendente

3. Evita il monouso

Potrei consigliarti di eliminare la plastica monouso dalla tua vita, ma lo considero un concetto ormai superato. Non basta sostituire la plastica monouso con bioplastiche o carta.

Elimina del tutto il monouso: stoviglie, sacchetti, bottiglie, flacconi con questi prodotti il rischio di greenwashing è sempre dietro l'angolo. Per salvare il Pianeta non basta acquistare prodotti confezionati in "plastica riciclata dagli oceani", bisogna evitare tutto ciò che avrà vita breve e spingere così le aziende a offrire alternative davvero sostenibili. Non sottovalutare il tuo potere di consumatore.


4. Fai sentire la tua voce

La collaborazione è la chiave per affrontare le sfide ambientali. Scendi in campo, unisciti ad associazioni locali o internazionali, partecipa attivamente a iniziative e manifestazioni, fai donazioni a organizzazioni impegnate nella sostenibilità. Fai sentire la tua voce: sui social, tra le persone a te vicine, non importa dove, cerca un terreno comune e parlane più che puoi.

5. Informati

Sii curiosə e informati. Per molto tempo politici e negazionisti del clima, ci hanno fatto credere che fosse tutto sotto controllo. Oggi fortunatamente esistono molte voci autorevoli: media, divulgatorə, scienziatə, attivistə, ascoltale e sii il loro amplificatore all'interno della tua rete.


Conclusioni

Non possiamo più ponderare e scegliere che azioni intraprendere, la verità è che dobbiamo fare tutto ciò che possiamo. Dobbiamo partire dal piccolo e agire al meglio delle nostre possibilità.

Negli ultimi anni tante persone si sono unite a questa rivoluzione sociale e tante altre lo faranno, perché fare la nostra parte ci fa sentire bene in primis con noi stessə. Prova a immaginare di cosa saremmo capaci se decidessimo tutti insieme di agire.

Voglio concludere citando Greta Thunberg:

"Al momento abbiamo un disperato bisogno di speranza. Non si può ottenere passivamente, stando fermi ad aspettare che qualcun altro faccia qualcosa. La speranza è agire".

Unisciti alla community di Ailiv e inizia la tua rivoluzione di vita.

Potrebbe interessarti anche: