hello world!

VUOI UN ALTRO BUON MOTIVO PER ALLENARTI?

Di Giulia Michelini
14 Agosto 2023

Secondo alcune ricerche, l’attività fisica ci rende più felici


Talvolta, bastano 15 minuti di allenamento per cambiare l’andamento dell’intera giornata

Per alcune persone, allenarsi è già parte integrante della propria routine quotidiana da anni. Si svegliano, si preparano, ed escono per andare in palestra, a camminare, oppure a correre. C’è chi ama il pilates, lo yoga, chi balla, chi pratica sport di squadra… E poi c’è chi non ha mai capito come queste persone siano tanto motivate!

Sebbene mantenersi attivi sia fondamentale per il controllo del peso e per la salute generale del corpo, ci sono molte più buone ragioni per dedicare dello spazio sul calendario all’allenamento.


Una di queste è sicuramente il collegamento che esiste tra attività fisica e umore


Ormai si sa, il corpo non è un mero insieme di sistemi che lavorano autonomamente, ma un organismo complesso, in cui la salute di ogni sistema influenza il benessere degli altri. Così, ogni volta che ti metti le scarpe da ginnastica ed esci di casa per allenarti (oppure tiri fuori il tuo tappetino da pilates), stai influenzando positivamente anche il tuo sistema nervoso.


Ma in che modo il movimento influenza il cervello?

La prima cosa che accade nel corpo quando ci mettiamo in moto riguarda il battito cardiaco. Il cuore iniziare a pompare più ossigeno ai muscoli e, di conseguenza, anche al cervello. Diversi studi dimostrano che un cervello ben ossigenato gestisce meglio ansia e depressione. Se l'attività fisica diventa una costante nella vita, allora il risultato saranno livelli più bassi di ansia, preoccupazioni, tristezza e tendenze depressive.

Un’altra cosa che accade all’interno dell’organismo, grazie al movimento, riguarda delicatissime interazioni ormonali. Si calcola che bastino 20-30 minuti di attività fisica aerobica, come la camminata, la corsa o la danza, per permettere al corpo di rilasciare endorfine. Nel cervello, le endorfine vanno a interagire coi recettori responsabili del dolore, portandoci a percepirne meno. Questo è il motivo per cui, sebbene un allenamento intenso possa essere faticoso, la sensazione che tendenzialmente segue la sessione, è positiva e può sembrare quasi immotivata.

Ma ci sono anche altri ormoni coinvolti in questo gioco di interazioni chimiche: si tratta della dopamina e della serotonina. La dopamina è nota per la sua capacità di farci ripetere le azioni che ci fanno sentire bene. Che siano positive, come un allenamento, o negative, come lo scrolling sui social media, per il cervello non fa differenza. La dopamina ci spinge a ripetere quell’abitudine che ci ha dato un “rush” di piacere e, in questo caso, può essere un’ottima alleata per sviluppare costanza nel muovere il corpo.

La serotonina, invece, è il cosiddetto “ormone della felicità” Un buon workout innalza i livelli di serotonina nel corpo e, di conseguenza, ci può far sentire puramente felici per diverse ore a partire dalla sessione di allenamento.


Quindi, quanto devo muovermi per essere più felice?

Non è così semplice dare un numero che sia giusto per tutti ma, in linea di massima, 15-20 minuti al giorno possono essere un buon punto di partenza. In alternativa, puoi accorpare le tue sessioni di allenamento ed iniziare con 3 workout a settimana.

Il corpo, dopotutto, è fatto per muoversi. Riuscire ad inserire il movimento nella tua quotidianità, nei modi più svariati, è il miglior modo non solo per tenerti in forma, ma anche per affrontare la vita con più gioia e leggerezza.


Potrebbe interessarti anche: